5 marzo

UNAR di sportello immigrazione

UNAR ha la funzione di garantire l’effettività del principio di parità di trattamento fra le persone, di contribuire a rimuovere le discriminazioni fondate sulla razza e l’origine etnica e di vigilare sull’operatività degli strumenti di tutela vigenti contro le discriminazioni.

L’Ufficio è stato istituito presso il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il decreto legislativo 9 Luglio 2003, n. 215, di recepimento della direttiva comunitaria n. 2000/43 CE  ed opera, in piena autonomia di giudizio e in condizioni di imparzialità, per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica, analizzando il diverso impatto che le stesse hanno sul genere e il loro rapporto con le altre forme di razzismo di carattere culturale e religioso.

In particolare UNAR:

  • fornisce assistenza alle vittime di comportamenti discriminatori nei procedimenti intrapresi da queste ultime sia in sede amministrativa che giurisdizionale, attraverso l’azione dedicata di un apposito Contact center;
  • svolge inchieste al fine di verificare l’esistenza di fenomeni discriminatori nel rispetto delle prerogative dell’autorità giudiziaria;
  • promuove l’adozione di progetti di azioni positive in collaborazione con le associazioni no profit;
  • diffonde la massima conoscenza degli strumenti di tutela attraverso azioni di sensibilizzazione e campagne di comunicazione;
  • formula raccomandazioni e pareri sulle questioni connesse alla discriminazione per razza ed origine etnica;
  • redige due relazioni annuali, rispettivamente per il Parlamento e per il Presidente del Consiglio dei Ministri;
  • promuove studi, ricerche, corsi di formazione e scambi di esperienze, in collaborazione anche con le associazioni e le organizzazioni non governative che operano nel settore, anche al fine di elaborare delle linee guida o dei codici di condotta nel settore della lotta alle discriminazioni fondate su razza o origine etnica.

Secondo quanto previsto dal D.P.C.M 11 dicembre 2003 inerente la costituzione e l’organizzazione interna dell’UNAR, l’Ufficio per l’attuazione dei propri compiti si avvale di un contingente composto da personale appartenente ai ruoli della Presidenza del Consiglio e di altre amministrazioni pubbliche, nonché di esperti anche estranei alla Pubblica Amministrazione, dotati di elevata professionalità nelle materie giuridiche, nonché nei settori della lotta alle discriminazioni, dell’assistenza materiale e psicologica ai soggetti in condizioni disagiate , del recupero sociale, dei servizi di pubblica utilità, della comunicazione sociale e dell’analisi delle politiche pubbliche.

Azioni positive

Compito fondamentale di UNAR è il perseguimento degli obiettivi di uguaglianza sostanziale garantiti dall’articolo 3 della Costituzione. Di qui la funzione dell’Ufficio di promuovere azioni positive per la rimozione delle disuguaglianze basate su ragioni razziali e di appartenenza etnica.

In tal senso l’articolo 7 del D.lgs. 215/2003 assegna ad UNAR il compito di “promuovere l’adozione, da parte di soggetti pubblici e privati, in particolare da parte delle associazioni e degli enti che svolgono attività contro le discriminazioni razziali, di misure specifiche, ivi compresi progetti di azioni positive, dirette a evitare o compensare le situazioni di svantaggio connesse alla razza o all’origine etnica” (comma 2, lettera c).

Tra le azioni positive rientrano iniziative tese a sperimentare e proporre modelli di intervento atti a favorire lo sviluppo di microimprese e auto imprenditorialità da parte di donne immigrate in un’ottica di prevenzione integrata dei fenomeni di discriminazione razziale e di esclusione sociale; proposte sistematiche di rilevazione e monitoraggio della percezione del fenomeno della discriminazione razziale presso le giovani generazioni, nonché attività integrate rivolte a prevenire e contrastare l’insorgenza di tali fenomeni nelle periferie urbane; attività di sostegno e valorizzazione delle esperienze di associazionismo direttamente promosse dalle comunità straniere al fine di agevolare la diffusione e la conoscenza della normativa vigente, facilitando l’integrazione delle comunità stesse nel contesto sociale e istituzionale locale.

Relazioni

In base all’articolo 7 lettera f) del D.Lgs. 215/2003 ad UNAR è affidato il compito di “redigere una relazione annuale per il Parlamento sull’effettiva applicazione del principio di parità di trattamento e sull’efficacia dei meccanismi di tutela, nonché una relazione annuale al Presidente del Consiglio dei Ministri sull’attività svolta”.

Grazie alle risultanze e alle statistiche derivanti dalla gestione della banca dati del Contact Center, nonché alle altre informazioni e segnalazioni acquisite con gli strumenti e i mezzi concessigli dalla normativa, UNAR, ogni anno, elabora quindi una relazione al Parlamento sull’effettiva applicazione del principio di parità di trattamento e sull’efficacia dei meccanismi di tutela e un’altra relazione al Presidente del Consiglio dei Ministri sull’attività svolta.

Tali relazioni annuali, oltre a costituire l’occasione per un bilancio di quanto realizzato, portano a conoscenza degli organi politici e dell’opinione pubblica non solo i progressi compiuti, ma anche le problematiche incontrate nell’azione di contrasto delle discriminazioni razziali.

In questa prospettiva, le relazioni costituiscono al contempo sia un bilancio delle attività realizzate che un punto di partenza per la nuova programmazione delle iniziative, per ridefinire, in un processo circolare, gli obiettivi strategici volti alla rimozione della cause strutturali della discriminazione.

Per scaricare le relazioni cliccare sui link seguenti:

Per scaricare i rapporti cliccare sui link seguenti:

Normativa

Il quadro normativo vigente di riferimento per l’UNAR è così articolato.
Per scaricare la normativa cliccare sui link seguenti:

Adozione di una raccomandazione generale ex art.7 comma 2 lettera e) D.Lgs 215/2003 in materia di requisiti per l’accesso degli stranieri alle prestazioni sociali di natura assistenziale:

Adozione di tre raccomandazioni: rispettare la parità di trattamento nell’accesso all’alloggio, ai servizi assicurativi e nelle registrazioni anagrafiche:

Contatti

Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali
Largo Chigi, 19 – 00187 Roma
Segreteria tel. 06 6779 2267 – Fax 06 6779 2272
unar@unar.it

Lascia un commento o una domanda