28 marzo

La casa in affitto di sportello immigrazione

 Sono diversi i modi per trovare una casa in affitto: ci sono le case di privati  che puoi trovare tramite il passaparola di amici e conoscenti, cartelli appesi alla casa, con pubblicità sui giornalini locali di annunci o tramite le agenzie immobiliari che trattano di affitto.

Vi sono anche appartamenti di proprietà dello Stato (dette anche Case Popolari o Edilizia residenziale pubblica ERP) che si possono ottenere presentando domanda all’ Ufficio casa del Comune

 Questi appartamenti sono gestiti da un’agenzia pubblica regionale Azienda casa Emilia Romagna ACER

ISEE E ISE: indicatori del reddito famigliare

Per ottenere la Casa Pubblica così come altri servizi del Comune è necessario produrre i documenti che dichiarino il reddito di tutti i componenti della famiglia.

Per capire cos’è e come si calcola, vedi qui.

Affitare una casa

Al momento dell’affitto di un appartamento è importante chiarire alcune questioni di tipo economico:

  • il costo dell’affitto (detto canone)
  • il costo annuo di registrazione del contratto di affitto,
  • le spese condominiali a carico dell’inquilino (es. riscaldamento centralizzato, ascensore, pulizia scale, manutenzione cortile/giardino, costi per l’amministratore del condominio.

Per verificare quanto siano le spese condominiali è utile chiedere al proprietario della casa il bilancio condominiale dell’anno precedente con la suddivisione delle spese.

Tipologie di contratti

Per l’affitto di case, appartamenti esistono 2 principali forme di contratto:

Contratto di libero mercato che si basa su un accordo tra chi affitta l’appartamento (locatore) e chi lo prende in affitto (conduttore). Tale contratto di base dura 4 anni più 4 anni di rinnovo automatico.

Contratto concertati si basa su accordi raggiunti tra le associazioni dei proprietari e quelle degli inquilini. Prevede un affitto solitamente inferiore al valore di mercato, possibili agevolazioni fiscali per il proprietario, forme contrattuali più flessibili. Questo tipo di contratto varia da zona a zona a seconda degli accordi raggiunti in sede locale.  I contratti concertati si dividono in 3 categorie:

  •  Uso abitativo, con durata 3 + 2 anni aumentabile solitamente a 4 + 2 e oltre, che prevede agevolazioni fiscali per proprietario e inquilino.
  •  Uso transitorio, di durata da 1 a 18 mesi, non rinnovabile e applicabile solamente a situazioni particolari (poter disporre in tempi brevi della casa).
  •  Uso studenti universitari, con durata da 6 a 36 mesi. Si applica nei comuni sede di Università non sono previste agevolazioni fiscali.

Esistono alcuni tipi di contratto dove gli accordi sono direttamente stabiliti tra le parti coinvolte.

Si tratta di: contratto di sub-locazione (sub-affitto), in cui l’inquilino può affittare una parte della casa e contratto di comodato che è gratuito e non prevede un affitto.

In caso di bisogno per problemi che riguardano l’affito di un appartamento ci può rivolgere a:

Guida alla vita di condominio

Nei link presentati sotto trovere una guida completa realizzata dal Comune di Reggio E. per comprendere le regole condominiali e la spiegazione di alcune parole specifiche i diritti e doveri  degli inquilini e dei proprietari.

Scarica o consulta la guida in lingua:

Italiano

 Inglese

Arabo

Cinese

Francese

Lascia un commento o una domanda